Luce che emoziona

L’importanza della luce nell’Interior Design

” La luce e l’ombra sono i primi ed essenziali materiali che il mondo offre all‘architettura per dare significato allo spazio.”

La progressiva affermazione della tecnologia nel campo dell’illuminazione, non ha solo modificato le metodologie di intervento nell’uso della luce nell’Interior Design, ma ha anche e soprattutto dato inizio ad un nuovo modo di pensare, di concepire e di realizzare l’interazione fra luce, spazio ed architettura in un linguaggio minimalista assolutamente paritetico.

Nell’illuminazione dell’Interior, l’estrema compattezza di sistemi ed apparecchi, ha permesso alla luce con accorgimenti minimi di insinuarsi e fondersi con materiali rigidi, densi, opachi, smaterializzandone la consistenza e valorizzandone texture, tonalità e personalità.

Luce che emoziona

In molti casi, la luce si integra all’architettura che la “contiene” in senso letterale in appositi recessi o tagli ricavati nelle controsoffittature o attraverso la costruzione di velette.

Tagli, gole, recessi ridottissimi permettono oggi l’alloggiamento di sistemi che personalizzano l’effetto dell’emissione luminosa adattandola ad ogni singolo caso specifico, come è in grado di fare un sarto sul fisico di una persona.

I “tagli di luce” sono spesso rifiniti con elementi metallici integrati al cartongesso o producono effetti fortemente scenografici, simulando situazioni provocatorie.

I LED sembrano concepiti apposta per adeguarsi alle attuali tendenze dell’Interior Design, che vede una grande attenzione all’eco-sostenibilità, una spiccata tendenza al minimalismo nella configurazione, nella distribuzione e nell’arredo degli spazi.

Condividi